I Gelatieri per il Gelato

Un fresco vento di novità ha iniziato a soffiare negli ultimi caldi giorni dell’estate siciliana tra i banchi del lo Sherbeth Festival di Cefalù.

Ecco una foto di un gruppo di amici apparentemente “variegati” ma omogeneamente accomunati dalla passione per il gelato artigianale di tradizione italiana. Quel prodotto di qualità che si vorrebbe rappresentasse l’italianità alimentare nel mondo come fa la pizza o il buon vino.

Accanto alle due colonne portanti del gelato italiano Luca Caviezel e Carlo Pozzi ci sono Silvana Vivoli, Giorgio De Pellegrin, Gian Paolo Cianuri, Roberto Lobrano, Loris Molin Pradel, Marco Gennuso e Fausto Bortolot (nella foto mancano Antonio Cappadonia e Arnaldo Conforto).

E’ il 18 di Settembre e si attende nella piazza principale di Cefalù di cominciare la seconda seduta del gruppo libero e indipendente dei “Gelatieri per il Gelato”. L’obiettivo? Cercare di dare una definizione chiara e condivisa di cosa è e deve essere il gelato artigianale di tradizione italiana. Una definizione che nasca dal banco di lavoro dei gelatieri, libera da ogni condizionamento e senza bandiere, che sancisca una volta per tutte le caratteristiche distintive del gelato artigianale di tradizione italiana.

Questo non è un gruppo ristretto di “carbonari” come qualcuno vorrebbe lo si etichettasse, ma una forza in crescita che chiede adesioni ampie e trasversali nel mondo dei gelatieri veri: quelli che passano molte ore nel proprio laboratorio a creare le proprie “uniche” opere d’arte effimere e transitorie, ma capaci di donare attimi di felicità ai bambini di ogni età…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *